Utilizzo del marchio FSC

Posted on Posted in Blog, Stampa

La certificazione FSC

La certificazione FSC, Forest Stewardship Council, è il principale meccanismo di garanzia sull’origine del legno o della carta. Si tratta di un sistema di certificazione internazionale che garantisce che la materia prima usata per realizzare un prodotto in legno o carta proviene da foreste dove sono rispettati dei rigorosi standard ambientali, sociali ed economici. FSC, creato nel 1993, include tra i suoi membri gruppi ambientalisti e sociali, comunità indigene, associazioni di consumatori, proprietari forestali, tecnici, organismi di certificazione, industrie di prima lavorazione e di trasformazione e commercializzazione del legno, che operano insieme per migliorare la gestione delle risorse forestali in tutto il mondo.

La catena di custodia

Oltre alla certificazione della gestione forestale, FSC prevede anche la certificazione delle aziende che lavorano il materiale certificato attraverso tutte le fasi di trasformazione. Si chiama certificazione della catena di custodia (Chain Of Custody) e permette alle aziende di lavorare e vendere i propri prodotti con il marchio FSC. La certificazione della gestione forestale ne garantisce la salvaguardia in termini sociali ed ambientali, parallelamente agli aspetti economici. La certificazione della catena di custodia assicura che prodotti come la carta provengano effettivamente da foreste certificate.

BOX: Le 4 tipologie di FSC

Nell’ambito della certificazione delle aziende della carta, si distinguono 3 tipologie di prodotti:

FSC Puro: carte realizzate interamente con cellulosa

FSC Misto: carte realizzate con percentuali variabili di materiale certificato FSC e
fibre provenienti da foreste controllate

FSC Misto con riciclo: carte realizzate con percentuali variabili di materiale certificato FSC e materiale riciclato e controllato.

FSC Riciclato post-consumo: prodotto con legno e/o fibre ottenuti dal
riciclo di materiale giunto al termine del proprio utilizzo.

La maggior parte delle carte e dei cartoncini in commercio in Italia, appartiene alla categoria FSC Misto.

Cosa significa FSC?

Le foreste ci forniscono acqua pulita, aria fresca ed aiutano a combattere il riscaldamento globale. Se gestite
responsabilmente, danno grandi contributi alle comunità locali ed al mondo intero. Purtroppo in alcuni stati anche l’80% delle foreste è tagliato illegalmente, anche in violazione dei diritti umani. Il marchio FSC identifica i prodotti contenenti legno proveniente da foreste gestite correttamente e responsabilmente secondo rigorosi standard ambientali, sociali ed economici. La foresta di origine è stata controllata e valutata in maniera indipendente in conformità a questi standard (principi e criteri di buona gestione forestale), stabiliti ed approvati dal Forest Stewardship Council a.c. tramite la partecipazione ed il consenso delle parti interessate.
L’FSC è una ONG internazionale, indipendente e senza scopo di lucro, che include tra i suoi membri gruppi ambientalisti e sociali, comunità indigene, proprietari forestali, industrie che lavorano e commerciano il legno, scienziati e tecnici che operano insieme per migliorare la gestione delle foreste in tutto il mondo.

La stampa amica dell’ambiente

Uno dei grandi problemi che tormentano l’ambiente è la gran quantità di fogli di carta che ogni giorno, in tutto il mondo, vengono utilizzati, troppo di frequente per motivi del tutto inutili. Ettari ed ettari di foresta, che quotidianamente viene accartocciata e finisce in un cestino, dopo aver stampato pile illeggibili di tabelle, magari per pura routine e formalità. Le recenti discipline ambientali e la pressione pubblica richiedono nuovi “modelli” e ciò crea inevitabilmente nuove condizioni di business. I consumatori, come la collettività, guardano con maggiore attenzione ai messaggi e alle iniziative delle imprese. Di conseguenza, lo sviluppo di soluzioni molto funzionali ed eco-compatibili aiuta a differenziare l’offerta, permettendo alle aziende di competere su più livelli. Alcune società hanno annunciato la loro volontà di mettere in atto un programma completo di supporti cartacei, risorse e strumenti web per aiutare i clienti a identificare le carte più idonee e il modo più corretto per poter stampare nel rispetto dell’ambiente. Anche per quanti stanno attenti ai consumi di carta, spesso è indispensabile o quasi stampare alcuni documenti. In questo caso, la regola fondamentale è quella di utilizzare carta riciclata.

Ma, cosa meno nota, esistono anche delle accortezze che si possono prendere dal lato stampante, o meglio, per
quanto riguarda il consumo di inchiostro. In questo caso possono aiutare le cartucce ecologiche, o ad elevata durata,
con le giuste impostazioni. Inoltre per quanto riguarda l’industria della stampa e dell’imballaggio, esistono diversi modi di offrire imballi stampati che aiutino a ridurre gli sprechi o aumentare la riciclabilità o il riutilizzo di substrati e inchiostri. Una realtà già in prova sul mercato, realizzato dalla collaborazione tra pubblico e privati, è un inchiostro atossico, ecologico e commestibile, appositamente studiato per la stampa usa e getta, che salva le foreste e non comporta rischi di contaminazione degli alimenti. E’ stato ricavato dai coloranti usati in pasticceria per le torte, adattato alle stampanti a getto d’inchiostro da ufficio, e costa meno di quello tradizionale. Ne esiste un prototipo compatibile con i più diffusi modelli di stampanti, creato per risolvere il problema dell’uso improprio dell’inchiostro e della sua resistenza sulla carta per ogni tipo di stampa, anche per quella che andrà cestinata nel giro di qualche ora.

Molte persone e organizzazioni, che si sono rese conto che la Terra possiede risorse limitate e che è necessario
conservarle e rinnovarle, stanno collaborando su problematiche d’interesse comune. A seguito della Conferenza
delle Nazioni Unite sullo sviluppo sostenibile nel 1992, rappresentanti delle imprese interessate, dei gruppi sociali e
delle organizzazioni ambientaliste si sono riuniti e hanno istituito il Forest Stewardship Council (Consiglio per la tutela delle foreste). Il suo scopo è quello di migliorare la gestione delle foreste. Oggi, FSC è l’unico standard riconosciuto a livello internazionale per l’organizzazione responsabile della gestione forestale sostenuto dal settore delle imprese e di organizzazioni ambientaliste e dei gruppi sociali. Il processo di definizione standard FSC è trasparente, democratico e solidale, con molte opportunità per il pubblico interessato. E’ questo processo che ha permesso ad FSC di diventare un importante e riconosciuto forum in cui le soluzioni innovative sono rese possibili grazie al sostegno di tutti i gruppi interessati a problemi forestali. I motivi per cui la scelta FSC fa la differenza: solo FSC: – proibisce la conversione di foreste naturali o di altri habitat in tutto il mondo – vieta l’uso di pesticidi altamente pericolosi di tutto il mondo – vieta la coltivazione di alberi geneticamente modificati (OGM) – rispetta il diritto dei popoli indigeni di tutto il mondo – controlla ogni operazione certificata almeno una volta all’anno. La gamma di prodotti FSC cresce ogni giorno. Oggi, quasi ogni prodotto è disponibile in qualità FSC e generalmente non sono più costosi di prodotti non certificati, e spesso di qualità migliore. FSC offre una soluzione semplice al complesso problema sulle questioni ambientali e sociali. Il marchio FSC è un modo efficace per ottenere il riconoscimento dei consumatori. Questo dà credibilità con i clienti e partner commerciali, come pure con le istituzioni finanziarie e le organizzazioni di supervisione.

La certificazione FSC consente di proteggere il marchio e la reputazione e permette di accedere a mercati sensibili
ecologicamente. FSC certified FSC è uno standard valido a livello mondiale ed è anche l’unico standard che non è
ostacolo agli scambi commerciali nell’ambito dell’Organizzazione mondiale del commercio (OMC). Grafiche MDM è una delle aziende certificate a marchio FSC, che crede nello sviluppo sostenibile e ha verificato la qualità dei prodotti FSC. L’impresa sta portando avanti quest’iniziativa anche per sensibilizzare i propri clienti riguardo tematiche ambientali, cercando di far conoscere i vantaggi della carta certificata, sia per quanto riguarda la stampa sia per quanto riguarda la buste per la spedizione, nonché libri, opuscoli, volantini e simili, cataloghi, giornali, riviste, periodici e altri prodotti di stampa.

 

Perché certificarsi? Quali vantaggi offre ad uno stampatore la certificazione FSC?

Al giorno d’oggi, i temi di salvaguardia ambientale hanno assunto un’importanza fondamentale e sempre più
consumatori sono attenti ai prodotti che utilizzano. La certificazione FSC rappresenta uno dei maggiori risultati
che le aziende del settore legno e carta possono conseguire per dimostrare il proprio impegno concreto a tutela e
salvaguardia delle foreste e dell’ambiente. Con la certificazione FSC le tipografie possono sia dimostrare ai clienti il
proprio impegno verso la salvaguardia ambientale, sia dare loro la possibilità di avere un prodotto che tuteli l’ambiente e le foreste e che possa essere facilmente riconosciuto e apprezzato dal consumatore finale, grazie alla possibilità di apporre il famoso logo con l’alberello sui propri stampati se realizzati su carta certificata FSC. Infatti, la certificazione FSC è riconosciuta come il sistema più credibile e rigoroso che a livello internazionale garantisce una buona gestione delle foreste e delle piantagioni nel mondo . Sempre più aziende nel mondo sono certificate e anche nel settore della stampa l’interesse verso l’ FSC cresce di giorno in giorno, sia in Italia che negli altri paesi europei. Da gennaio 2007 ad oggi sono oltre 15 le tipografie italiane che hanno scelto la certificazione FSC per poter rispondere alle esigenze dei clienti italiani ed europei di stampare su supporti prodotti nel rispetto dell’ambiente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.